mercoledì, 12 Giugno 2024
adv
HomeIn evidenzaRiduzione CO2: gli obiettivi dell'Europa preoccupano Anfia

Riduzione CO2: gli obiettivi dell’Europa preoccupano Anfia

Molto difficile sviluppare in pochi anni soluzioni tecnologiche in grado di dimezzare le emissioni di CO2 degli autocarri.

adv

La proposta di revisione del Regolamento europeo sulla riduzione delle emissioni di CO2 dei veicoli industriali (EU 2019/1242), avanzata lo scorso 14 febbraio dalla Commissione europea, inasprisce notevolmente il target già fissato al 2030 (da -30% a -45%) e prevede target decisamente ambiziosi per il 2035 (-65%) e per il 2040 (-90%), destando preoccupazione nella filiera produttiva del comparto.

Molto difficile,  se non impossibile, secondo Anfia, sviluppare in così pochi anni – appena sette in riferimento al nuovo obiettivo intermedio per il 2030 – soluzioni tecnologiche in grado di dimezzare le emissioni di CO2 degli autocarri. Pur apprezzando l’inclusione dei motori a combustione interna alimentati a idrogeno, l’obiettivo per il 2040 mina il principio di neutralità tecnologica. Resta indispensabile creare le condizioni abilitanti: infrastrutture, incentivi all’acquisto, produzione di energia da fonti rinnovabili, sostenibilità dei costi per gli operatori. Sarà inoltre necessario rivedere l’obbligo di vendita di soli autobus urbani a zero emissioni.

Le tecnologie veicolari rappresentano solo una parte della soluzione per uscire vincitori dalla sfida della decarbonizzazione dei trasporti, che deve necessariamente accompagnarsi ad un set di politiche industriali e politiche dei trasporti coerenti e coordinate. In questo senso, ANFIA ribadisce la necessità di strutturare, a livello nazionale, un piano pluriennale per il rinnovo del parco circolante autocarri con mezzi a basse e zero emissioni per cui siano previsti stanziamenti coerenti con quanto già messo in opera da altri Paesi dell’Unione europea.

In riferimento al comparto autobus, infine, l’obbligo di vendita al 100% di autobus urbani a zero emissioni di CO2 a partire dal 2030 sottopone a una forte pressione gli operatori del trasporto pubblico, chiamati a rivedere i loro piani di investimento e di infrastrutturazione dei depositi. Potrebbe inoltre innescare un meccanismo di anticipazione degli acquisti per cercare di ottenere gli ultimi mezzi ad alimentazione tradizionale. Sicuramente, a livello nazionale, si rende necessario incrementare i fondi già disponibili per il rinnovo del parco circolante a basse emissioni, che, alla luce dei rincari delle materie prime e dell’aumento dell’inflazione, sono già insufficienti a raggiungere gli obiettivi prefissati antecedentemente.

adv
adv
ARTICOLI CORRELATI
adv

Più popolari

adv