martedì, 27 Febbraio 2024
adv
HomeTruckRegalarsi un TGX Drudi Performance MAN

Regalarsi un TGX Drudi Performance MAN

E' quello che ha fatto Romano Rabachin, autotrasportatore da una vita, acquistando un TGX Drudi Performance per festeggiare la sua lunga carriera, a pochi anni dalla pensione

adv

“Finire in bellezza”, così Romano Rabachin spiega l’acquisto di un TGX Drudi Performance a pochi anni dalla pensione. Ma il maestoso veicolo, con tanto di dedica del designer, è anche il suggello a una vita dedicata all’autotrasporto, da trent’anni nel segno di MAN e del suo dealer Euroman, che spegne pure lui le 30 candeline.

Due storie parallele di quelle che hanno reso ricco e produttivo l’autotrasporto italiano. Romano Rabachin autotrasportatore lo è da sempre, per la precisione del 1984, anno nel quale ha iniziato questo lavoro e se ne è subito innamorato. Per due anni ha operato a livello locale, per poi darsi alla sua grande passione: le lunghe rotte internazionali. Che fossero mobili o collettame poco importava, l’importante era viaggiare. E l’opportunità per dare sfogo alla sua passione gli è stata offerta pochi anni dopo, appunto nel 1993, quando ha iniziato a lavorare per il settore dell’abbigliamento. Aveva bisogno di uno veicolo scarrabile con sospensioni pneumatiche e la risposta perfetta per le sue esigenze gliela ha offerta Fabio Guglielmo dell’allora neonata concessionaria MAN Euroman di Monselice, in provincia di Padova.

“Da anni gestivo un’officina specializzata in veicoli industriali – racconta Fabio Guglielmo -, e con due soci ho voluto strutturare meglio la mia attività allargandomi anche all’ambito commerciale, così nel 1993 è nata Euroman e Romano Rabachin è stato il mio terzo cliente. È bello celebrare insieme i trent’anni della nostra collaborazione, un bell’esempio di fidelizzazione e la dimostrazione che quando la qualità del prodotto e del servizio sono il fulcro del rapporto con il cliente la continuità è la sua naturale conseguenza”.

“Il mio primo MAN fu un F90.422, appunto scarrabile e pneumatico – interviene Romano Rabachin – e da quel momento sono esistiti solo i MAN e la Euroman. Nel 1996 gli ho affiancato un’altra motrice a tre assi F2000, sempre scarrabile, e un trattore F2000: il trasporto dei capi di abbigliamento era l’attività principale e le rotte erano soprattutto verso la Germania e l’Inghilterra, partivo il lunedì e rientravo il venerdì. Mi ricordo ancora l’emozione del primo F90 a cabina alta, era uno dei primi in assoluto ad avere quell’abitabilità, mi sembrava una reggia!”.

“Mi piace vivere sul camion – racconta ancora Rabachin –, qualche anno fa ho provato a trasmettere la mia passione a mio figlio, l’ho portato con me in viaggio, ma non era la sua vita e adesso fa altro, non ho insistito. Quindi a pochi anni dalla pensione ho deciso di chiudere in bellezza e mi sono ‘regalato’ questo TGX Drudi Performance. Peccato che adesso non faccio più rotte internazionali ma opero solo in ambito nazionale, mi spiace molto ma sto cercando di tornare a viaggiare in tutta Europa, è la mia vita e mi piace troppo! E poi con questo mezzo e con questa splendida cabina non ho problemi se qualche notte non riesco a rientrare a casa”.

Il TGX Drudi Performance di Romano Rabachin è impreziosito dalla firma del noto designer, un omaggio a un driver speciale, un po’ come lo sono i campioni della MotoGP per i quali disegna carene e caschi.

Il fiammante TGX Drudi Performance con la firma del designer.

Redazione

adv
adv
ARTICOLI CORRELATI
adv

Più popolari

adv